logo
La nostra scuola partecipa a queste gare da diversi anni; in particolare nella categoria Urban Concept, che si basa sui chilometri fatti con un litro di carburante simulando il traffico urbano. La commissione prima della partenza riempie il serbatoio del veicolo e, compiuti 8 giri del percorso cittadino di Londra, lungo 2,24Km con una velocità media di 25 km/h (in un tempo massimo di 39 minuti con pit stop ad ogni giro per simulare i semafori delle città), rapporta il carburante rimasto per stabilire il vincitore.
Nella scorsa edizione il nostro veicolo FaBI Sparkless si è classificato 3^ nella categoria prototipi diesel percorrendo 566 Km con 1 litro, ottimo risultato considerata la pendenza del circuito. La prossima meta è Les Mans.

News:




A TUTTI I SOSTENITORI E SIMPATIZZANTI DEL PROGETTO VEICOLI A BASSO CONSUMO Si è conclusa la competizione eco marathon shell a Londra per veicoli a basso consumo con ottimi risultati per i team italiani. Per l´ITIP Bucci di Faenza il terzo posto nei prototipi diesel, con 566 Km/litro è un dato considerare un´ottima prestazione considerando che il percorso londinese quest´anno aveva dei tratti in salita con pendenza 5%. Dopo un primo tentativo fallito per problemi alla frizione, il lavoro frenetico svolto nel box, ha permesso un continuo miglioramento da 340 Km fino ai 566 finali. Gli studenti ricevono cosí un riconoscimento al duro lavoro svolto durante l`anno scolastico e ... oltre. Un merito anche agli insegnanti Francesco Graziani Vincenzo Curcetti e Paolo Fiorillo che hanno coordinato bene il lavoro degli studenti e la logistica per questa prima avventura londinese. Il team era composto da 11 studenti I piloti Davide Bucci e Luigi Mengozzi, il team manager Stefano Pasini, i meccanici Filippo Carroli,James Mamini e Riccardo Bandini, gli elettronici Francesco Cornacchia, Alessandro Briccoli, i cronometristi Giulia Scarpelli e Pietro Barnabé il carrellista Duccio Vassura, e il sostegno morale di Luca Bedeschi impedito all´ultimo per motivi di salute a seguire il gruppo. Per gli altri team italiani,il Politecnico di Torino è arrivato primo nei prototipi alimentati a Idrogeno, l´Istituto Tecnico di Carpi è secondo nei prototipi elettrici e l´Università della Basilicata che è giunta terza nei prototipi alimentati a metano. Il team faentino quest´anno era in formato ridotto, per la contemporaneità della gara con gli esami di Stato che ha impedito ai ragazzi di quinta alla partecipazione e questo aumenta il valore del risultato ottenuto. Un ringraziamento a tutte le aziende che hanno collaborato e contribuito economicamente al successo di questo progetto. Il comunicato è inviato da Riccardo Silimbani che nonostante gli esami di maturità è letteralmente volato a Londra giusto in tempo per vedere la gara e sostenere il Team.


Modifiche sulle vetture



Questo pomeriggio é arrivata una buona notizia: il gruppo probabilmente verrá ingrandito, in quanto, si è offerto il professore Vincenzo Curcetti di accompagnare i ragazzi a Londra assieme al professore Francesco Graziani, il professore Riccardo Silimbani non potrà essere presente alla gara in Inghilterra, siccome, é impegnato con gli esami. Questo pomeriggio un gruppo sta cercando di migliorare la frizione della vettura Fabi Sparkless, mentre, il secondo gruppo sta lavorando sulla +39. Si prospetta che entro le prossime due ore la macchina verrà avviata. Le prove in pista della settimana scorsa si sono rivelate molto utili per comprendere le problematiche di trasmissione del prototipo: catena non perfettamente allineata e innesto della frizione troppo brusco.


Progetto Nova



I ragazzi si stanno preparando per la partenza, questo anno viaggeranno fino a Londra.  Probabilmente saranno solo dieci gli studenti che  partiranno, in quanto,  c'è la possibilità  che quest'anno la vettura con cui si gareggerà  sarà una. Il nostro prototipo diesel  chiamato FaBI SPARKLESS, sicuramente sfilerà   elegantemente sulla pista inglese rappresentando la  nostra scuola. Il progetto per la nuova  vettura sta avanzando, il professor Graziani F.  sostiene che la  complessività  nel progetto  comporta l'utilizzo di tecnologie di controllo  piú complicate rispetto a quelle utilizzate nei prototipi precedenti .Si è optato per  un sistema ormai diffusissimo chiamato  «Arduino»   (  sistema programmabile a microcontrollore  ) ,quest'ultimo è estremamente flessibile e  relativamente facile da programmare si adatta  alla gestione  complessiva dei dispositivi del veicolo.  Gli allievi della sezione tecnica impegnati nel  progetto con la collaborazione del docente  Curcetti V. stanno progettando il nuovo  sistema di gestione, il quale sarà in  grado di garantire con estrema precisione le  funzioni della vettura con una maggiore  versatilità nella acquisizione dei dati in tempo reale, utilizzando in sinergia con Arduino anche  un sistema Rasph Berry (unità di processo  in miniatura). Il reparto meccanico si  aspetta che si verifichi una diminuzione di  peso del telaio che sarà completamente in  carbonio con honeycomb, l 'aereodinamica della nuova  macchina  è   completamente un'innovazione per la  nostra scuola.


Articoli più vecchi


Update

05/12/2011Apertura del sito.

Pubblicità Google
Altro

Il sito della nostra Scuola
Sito ufficiale del Progetto Eco-Marathon
Sito Eco-Marathon della scuolaL. da Vinci - Carpi
Elenco degli sponsor attuali: qui.